Weekend low cost a Praga e visita al Ponte Carlo

Veduta dal basso di Ponte Carlo

Un weekend low cost nella meravigliosa città di Praga è ideale per trascorrere qualche giorno all’insegna del divertimento, dell’allegria, del buon cibo e dedicarsi alla visita di musei, monumenti della città. In alcuni precedenti post sul nostro blog vi ho spesso parlato del famoso quartiere Ebraico di Praga, di come trascorrere un weekend a Praga, e di Praga Città vecchia e dell’orologio astronomico. Quest’oggi vorremmo parlarvi di come è possibile trascorrere un weekend low cost nella città Ceca e di visitare il bellissimo Ponte Carlo. Procediamo per ordine : per prima cosa dobbiamo procurarci un bel volo low cost e vi consigliamo decisamente Wizz Air che dai principali aeroporti italiani vi porterà a Praga a prezzi molto economici e con voli frequenti. Le tratte coperte da Wizz Air al momento in cui scriviamo sono Bari- Praga, Napoli-Praga, Roma Fiumicino – Praga, Milano Orio – Praga, Venezia – Praga. Vi consigliamo di confrontare i prezzi per questa destinazione sul nostro motore di confronto prezzi . Qui potrete trovare la giusta soluzione che più si addice alle vostre esigenze. Anche per quanto riguarda gli hotel, confrontando i prezzi, vi accorgerete che  sono decisamente bassi e anche negli hotel di bassa categoria troverete quasi sempre, salvo rare eccezioni, stanze molto grandi e colazione inclusa nel prezzo con servizi in camera a prezzi abbastanza contenuti.

Veduta dallalto di Ponte Carlo

Una volta arrivati all’aeroporto di Praga Ruzyne che si trova a circa 20 Km dalla città vi basterà prendere un bus di linea che vi porterà in pochi minuti al centro e da qui potrete poi prendere o un tram o un taxi per farvi portare all’hotel da voi scelto. Arrivati in città non potete non visitare, oltre alle attrazioni già citate in precedenza, il famoso sibolo della città il Ponte Carlo costruito sulla Moldava. La foto qui a fianco è stata scattata proprio da una torre del ponte dopo circa 138 scalini di una scalal a chiocciola tutta in pietra e a senso alternato. Le due torri sono poste alle due estremità del ponte che è lungo oltre 510 metri e congiunge la città vecchia al famoso quartiere di Malà Strana. Il ponte, come detto in precedenza, è una delle maggiori attrazioni della città che richiama ogni anno migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. Sui lati del ponte vi sono numerose statue di santi che ornano questa meravigliosa costruzione come la statua di Santa Lutgarda, la  statua di San Giovanni Nepomuceno, la raffigurazione della Crocefissione, la statua di Sant’Anna, la statua di San Vito, la Statua di San Giovanni Battista, e tantissimi altri gruppi scultorei di rinomati artisti. Visto che il ponte è molto frequentato in qualsiasi stagione non vi sarà difficile incontrare  artisti di strada, disegnatori, venditori

Visuale del ponte dal fiume

di souvenir, musicisti e piccoli artigiani che rallegreranno la vostra passeggiata sul ponte. Vi consigliamo, se vi è possibile e se vi piace farlo, un bel giro in battello sul fiume della Moldava è di sicuro una bella esperienza e vi permetterà di vedere il ponte da altre angolazioni ed ammirare al meglio la città. Potrete comunque terminare la vostra passeggiata sul ponte raggiungendo il quartiere di Malà Strana o anche chiamato il Piccolo Quartiere. Qui potrete recarvi nella piazza centrale Malostranské náměstí e visitare la meravigliosa Chiesa di San Nicola e subito dopo recarvi presso i numerosi negozietti e ristorantini, cafè e piccole botteghe dove trascorrere un bel po’ di tempo. Praga è una città bellissima, piena di vita, che attira turisti provenienti da ogni parte del mondo. E’ accogliente, divertente, e con un atmosfera unica che poche città riescono ad avere. Durante i periodi delle festività tipo Natale, Pasqua o feste cittadine potrete trovare nelle piazze principali numerosi mercatini con artigiani locali, souvenir, e tanta allegria.

*Trovi che questo articolo sia interesante? Altri articoli su Praga e altre città sul nostro blog li troverai basta seguirci su Facebook e Twitter

Lascia un commento

Comment