L’Af Chapman a Stoccolma un ostello della gioventù galleggiante

Af Chapman a StoccolmaQuest’estate sono stato a Stoccolma e facendo un giro in battello ho potuto vedere l’isola di Skeppsholmen che è collegata alla città anche attraverso il ponte Skeppsholmsbron. Da qui proseguendo verso il pontile non potete non notare un enorme veliero di colore bianco. La storia di questa nave ha dell’incredibile, infatti  è stata costruita in Inghilterra nel 1888 e varata con il nome di Dunboyne e per 25 anni ha solcato i mari dell’inghilterra meridionale e della Norvegia. Poi successivamente nel 1915 venne trasferita a Goteborg e gli venne cambiato il nome in GD Kennedy. Nel 1923 la marina svedese è divenutna la proprietaria della nave, chiamandola Af Chapman e l’ha usata per formare mozzi e nuovi allievi fino all’ultimo viaggio nel 1934. Da qui è stata successivamente trainata a Stoccolma sull’isola di Skeppsholmen. Qui, intelligentemente è stata ristrutturata e nel 1949  divenuta un bellissimo ostello della gioventù.

Altra veduta del veliero Af Champan a StoccolmaAvete capito bene, è proprio un vero ostello della gioventù. Quando l’ho vista per la prima volta, oltre a fare fotografie all’impazzata, non capivo il motivo per cui, una nave cosi, fosse sull’isola in un posto non adibito all’attracco delle navi. Poi avvicinandomi, vedevo che, sul ponte c’erano persone che bevevano birra e altre che sorseggiavano caffè. Avvicinandomi ho chiesto informazioni e mi hanno detto “it’s an Hostel! ….hostel” ed ho capito che era un vero e prorio ostello della gioventù. Infatti l’ostello è attivo dal 1983 ed è uno dei più originali e affascinanti ostelli che abbia mai visto. Una camera doppia costa in media 34 euro a persona mentre una singola costa circa 68 euro a persona. La nave, in raltà è un prolungamento dell’ostello che è proprio difronte al pontile situato in un bellissimo edificio del 19° secolo.  Esistono varie combinazioni che potrete vedere direttamente sul sito del turismo svedese.

– Questa ed altre news sul turismo, seguici su Facebook, Twitter e Google+

Tags:

,

Lascia un commento

Comment