Dimenticare i souvenir? ecco come rimediare

souvenirlondra

Le promesse sono promesse e soprattutto quando si fanno ad amici e paranti bisogna mantenerle. Prima di partire per le vacanze, avrete sicuramente promesso ai vostri colleghi di lavoro, al vostro migliore amico/a un souvenir, un attacchino (calamita), una t-shirt del luogo o quantomeno un ricordo del paese che andrete a visitare. Ma spesse volte capita di relegare, l’acquisto dei souvenir, l’ultimo giorno di vacanza o la mattina prima di partire. Per questo motivo, la fretta, il poco tempo, e l’indecisione su cosa regalare, potrebbe essevi fatale.  I vostri amici capiranno? I parenti saranno scontenti? meglio non rischiare direte voi, compriamoli ad inizio vacanza. Conosco anche persone che hanno dimenticato la busta con i souvenir direttamente in aereo, in hotel o in taxi e vedere la loro disperazione salire a mille. Ma c’è sempre un rimedio, a tutto c’è rimedio anche al problema dei souvenir. Per queste dimenticanze ho visto gente litigare, cancellare amici da Facebook, e non parlarsi per mesi. Quindi per mantenere i rapporti “vivi” è sempre meglio rimediare ai propri errori con una lista di “cose da fare” per non fare brutte figure con amici, colleghi e parenti.

Come rimediare ?

Per prima cosa è opportuno consultare siti web utili alla vostra causa. Dovete acquistare souvenir originali di quel luogo, un ricordo che possa essere apprezzato da chi si aspetta da voi una calamita da collezione, t-shirt personalizzate o divertenti, gadget identificativi della città, paese, nazione e tanto altro.

Dimenticare i souvenir o souvenirs come meglio preferite? oggi, nell’era di internet non è più un problema irrimediabile, anzi forse può essere addirittura un “vantaggio” in termini di peso della valigia, e un bagaglio o busta in meno da portare con voi. Questa mia ultima affermazione però, svilisce ampiamente il fascino di poter portare ricordi originali del luogo e di poter dire: “guarda cosa ti ho preso in una bancarella di artigianato locale”. Scordatevi tutto questo, qui si parla di acquisto comodamente da casa per chi ha dimenticato di comprare i souvenir.

Ma non perdiamo il focus del discorso. Come si può rimediare? 

1) Su Amazon ad esempio ci sono tutti i più popolari souvenir di una determinata città. Potete trovare fedeli riproduzioni della Torre Eiffel, il British Museum, la Statua della Libertà, la Sirenetta di Copenaghen, calamite, t-shirt, tazze, bicchieri e tutto il necessario per evitare di non portare nulla. Scegliete magari una spedizione veloce, in modo tale da poter avere i souvenir in tempo per la visita a parenti ed amici.

2) Se avete visitato una città in particolare per esempio Amsterdam dove il Van Gogh Museum è tra le attrazioni principali, potete cercare un ricordo direttamente sullo shop online del museo. In questo modo, se avete avuto delle richieste particolari, specifiche, potete sempre andare a cercare più nel dettaglio. Gli shop dei musei o delle principali attrazioni sono uno dei metodi più usati per poter portare un ricordo particolare della città che avete visitato. A Barcellona quasi tutti i siti web delle opere di Gaudi hanno uno shop online, stessa cosa vale per Parigi, Londra, Praga, New York, e tante altre città.

3) Esistono dei siti web specializzati che vendono souvenir dal mondo. Vi basterà cercare su Google e trovare decine di siti web che si occupano di gadget e souvenir dal mondo. Anche sul popolare sito di annunci di Ebay esistono collezionisti che vendono souvenir da ogni parte del mondo però magari in questo caso potreste rischiare di trovarvi a competere con chi cerca il pezzo da collezione. A voi serve un souvenir nuovo e che sia realmente proveniente dal luogo che si è visitato.

4) Contattare i negozi del luogo potrebbe essere un altra soluzione. Ad esempio se siete stati ad Ischia in vacanza, potete contattare direttamente il negoziante e farvi spedire uno o più souvenirs. Alcuni negozi sono presenti con uno shop online altri li potete trovare sempre cercando su Google con la chiave “negozi di souvenir a Ischia” e così via.

5) L’ultima spiaggia potrebbe essere quella di “sfruttare” le amicizie fatte in vacanza e provare a telefonare al numero che vi siete scambiati prima di salutarvi. Per esempio se in vacanza avete conosciuto altri ragazzi o una coppia della vostra stessa regione e questi si trattengono qualche giorno in più di voi potreste chiedere il favore di acquistare per voi un souvenir. Certo, dovrebbe esserci stato un legame molto forte per avere il coraggio di chiedere una cosa del genere, ma è pur sempre un tentativo che si può fare.

Se non sapete che scusa inventare potete pur sempre dire che vi hanno rubato la valigia. I vostri colleghi, amici e parenti capiranno.

Lascia un commento

Comment