Un giorno a Procida cosa vedere e itinerario di viaggio

L’isola di Procida è la più vicina delle Isole di Napoli e per questo motivo è quella che maggiormente si presta a gite fuori porta e intere giornate tra mare, sole e interessanti luoghi da vedere. L’isola è meno turistica rispetto alle due sorelle maggiori Ischia e Capri ma conserva nel tempo quel fascino antico di una terra dedita alla pesca. Un giorno a Procida è una delle gite fuori porta che maggiormente usano fare i cittadini di Napoli e provincia e soprattutto alcuni viaggiatori che vogliono addentrarsi nei luoghi meno turistici e scoprirne di nuovi.  Se è vostra intenzione trascorrere un weekend a Napoli nel periodo estivo e avete magari qualche giorno in più da sfruttare vi consiglio di visitare le isole e di fare un salto anche a Procida dove potrete scoprire questa bellissima isola di pescatori.

Per trascorrere un giorno a Procida ci sono diversi modi per vivere l’isola e le sue bellezze. Vivere un’intera giornata di mare o visitare l’isola e poi godersi il mare. In tutti e due i casi Procida, essendo più piccola rispetto ad Ischia e Capri potete tranquillamente girarvela tutta in una sola giornata. I napoletani amano Procida per la vicinanza, i costi meno turistici e il mare ed io in particolare amo anche mangiare le famose lingue di Bue che sono una delle tante specialità dell’isola.

Chiesa di Santa Maria della Pietà a Procida

Come arrivare a Procida ?

Procida è facilmente raggiungibile da Napoli o da Ischia con i traghetti che partono giornalmente. Nel periodo estivo le corse sono molto più frequenti e vi permetteranno di raggiungere l’isola in meno di 20 minuti sia da Pozzuoli che da Napoli. Ultimamente ho scoperto che c’è un traghetto che parte anche da Monte di Procida che raggiunge l’isola in soli 15 minuti. Ho già affrontato questo argomento nel dettaglio e potete leggere con calma il mio articolo su come arrivare a Procida da Napoli.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di noleggiare un imbarcazione o un gommone per arrivare a Procida in autonomia ma comunque una volta arrivati al porto dovete informarvi su quali sono le tariffe di attracco. Bisogna comunque essere esperti o comunque aver già guidato un gommone o una barca. Mi è capitato di andare con amici un giorno a Procida con il gommone e ci abbiamo messo davvero poco partendo da Napoli. Arrivati al porto prima di sbarcare ci sono gli addetti del porto che prima di attraccare vi chiederanno informazioni sulla vostra visita e la tariffa per sostare con la vostra imbarcazione al porto.

Un giorno a Procida: cosa vedere ?

Appena si arriva al porto di Procida avrete subito ben chiara la situazione perché si arriva a Marina di Procida dove c’è il Porto turistico dell’isola. Qui, una volta scesi, potete prendere già diverse informazioni per poter girare l’isola. Informatevi su quali autobus ci sono e come funzionano i taxi per poter fare un giro completo dell’isola. L’isola ha una superficie di circa 3,7 km² e l’interno perimetro misura circa 16 km. Ho studiato un mio itinerario di viaggio per trascorrere una bella giornata sull’isola di Procida vedendo il mare ed i luoghi più caratteristici dell’isola. Un taxi a tariffa normale per girare l’isola prende circa 30/35 euro oppure potete optare per gli autobus di linea che vi permetteranno di girarvi l’isola con un un unico biglietto giornaliero che si può acquistare sia nelle tabaccherie o bar della zona o direttamente a bordo. Il biglietto a bordo ha un costo maggiore rispetto a quello normale. Le linee degli autobus sono diverse ed ognuna di esse effettua un tragitto diverso. C’è la linea L1, L2, C1 e C2 che potrete prendere direttamente a Marina Grande (porto). Per gli orari degli autobus vi rimando direttamente al sito dei trasporti EAV di Procida.

I centri abitati dell’isola sono i luoghi più interessanti da visitare come il borgo più antico di Terra Murata con il castello ed il carcere, la caratteristica marina di Corricella antico borgo di pescatori, Sent’cò con il porto commerciale di Marina Grande, San Leonardo, Santissima Annunziata (anche detta Madonna della Libera), Sant’Antuono, Sant’Antonio e Chiaiolella altro porto turistico situato nella parte meridionale dell’isola.

Itinerario:

  • Marina Grande, il porto ed il centro
  • Terra Murata
  • Marina di Corricella
  • Isola di Vivara
  • Le Spiagge di Procida

Marina di Procida

Marina Grande 

Il porto di Marina Grande è la prima cosa che vedrete non appena metterete piede sull’isola di Procida con le caratteristiche case color pastello che si affacciano sul lungomare. Spostandovi leggermente sulla sinistra e raggiungendo Via Roma e più precisamente Piazza Sancio Cattolico dove noterete da subito la bellissima Chiesa di Santa Maria della Pietà di colore giallo ed il suo campanile e il crocifisso ligneo del 1845. Proseguendo per via Roma troverete diversi bar, ristoranti e gelaterie dove poter trascorrere parte della giornata e diversi negozi e boutique molto carine. Salendo potrete raggiungere il centro dell’isola ed addentrarvi nei numerosi vicoli stretti e acciottolati. Percorrendo tutta via Vittorio Emanuele arriverete alla bellissima Chiesa di San Leonardo del VIII Secolo con al suo interno interessanti dipinti, ori e ornamenti e la fonte battesimale risalente al XVI secolo.

Terra Murata a Procida

Terra Murata 

Uno dei luoghi più antichi e affascinanti dell’isola di Procida è sicuramente il borgo di Terra Murata sia perché è la zona più antica di Procida e sia perché è situato sul punto più alto dell’isola. Terra Murata è il vero centro storico e culturale di Procida con l’incantevole Palazzo d’Avalos ex carcere e l’Abbazia di San Michele. Esplorare l’intero borgo è una delle tante cose da non perdere durante la visita di un giorno a Procida. Qui vi è racchiusa tutta l’anima e la storia dell’antica Procida con i sotterranei, le antiche abitazioni in tufo e una vista spettacolare su tutto il golfo di Napoli. Altamente consigliato!

Marina di Corricella a Procida

Marina di Corricella

Un suggestivo e antico borgo di pescatori che si affaccia sul mare con le caratteristiche case color pastello che diventano un tutt’uno con l’ambiente circostante. Un luogo magico, caratteristico, affascinante che ha ispirato poeti, scrittori e maestri del cinema mondiale. Qui sono state girate alcune scene del film “Il Postino” con Massimo Troisi e Maria Grazia Cucinotta tanto per citarne alcuni. Per approfondire l’argomento ho scritto un intero articolo su Marina di Corricella a Procida.

Isola di Vivara

A pochi metri da Procida si trova il suggestivo isolotto di Vivara che è collegato a Procida da un ponte. È attualmente disabitata ed è una riserva naturale statale. Il suo litorale è inoltre compreso nell’Area marina protetta Regno di Nettuno. Alcune organizzazioni effettuano visite guidate, immersioni, e diverse attività alla scoperta dei fondali e della flora marina nonché a visite particolarmente interessanti sull’isola stessa. Infatti il programma di escursioni per favorire la conoscenza del patrimonio naturalistico geologico e storico-archeologico della piccola isola è abbastanza ampio. Sul sito ufficiale del Comune di Procida potete trovare tutte le informazioni per prenotare un tour sull’isola di Vivara.

Le Spiagge di Procida

Non ci sono tantissime spiagge a Procida ma disseminate lungo tutta l’isola ci sono alcune insenature e spiagge davvero uniche. Durante la visita di un giorno a Procida si può scegliere di andare al mare la mattina e magari il pomeriggio scegliere di visitare il luoghi più significativi dell’isola. Questa soluzione viene adottata da molti anche perché in alcune spiagge dell’isola il sole si nasconde dietro il promontorio ed il solo va via prima. Tra le spiagge degne di nota vi segnalo: La spiaggia della Lingua che si trova proprio sulla  sinistra del porto di Marina Grande. La spiaggia è caratterizzata da ciottoli e sabbia ed è la spiaggia più vicina che troverete arrivando con il traghetto da Napoli. Altra spiaggia che merita è sicuramente la spiaggia della Chiaiolella la più grande delle spiagge di Procida con sabbia scura e diversi stabilimenti per tutta la famiglia. E’ la spiaggia più frequentata dell’isola con bar, ristoranti e lounge bar per godersi il tramonto. Altra spiaggia degna di nota è sicuramente la spiaggia della Chiaia decisamente più piccola rispetto alla precedente anch’essa con sabbia scura ma con un fondale basso e ben protetta dai venti. Anche qui ci sono tratti con spiaggia libera e tratti con diversi stabilimenti ed un bellissimo bar e ristorante dove gustare piatti tipici. Degna di una menzione speciale è la famosa spiaggia del Postino o meglio conosciuta dagli isolani come la spiaggia del Pozzo Vecchio. Qui sono state girate alcune scene del film con Massimo Troisi. Questa piccola ed incantevole baia con sabbia scura di origine vulcanica è davvero una bomboniera con il mare che diventa sempre più verde man mano che si passeggia verso la montagna. Diverse insenature possono essere raggiunte anche via mare con un’imbarcazione a noleggio o taxi boat.

Altre curiosità su Procida

Da goloso quale sono non vi nascondo che con amici e parenti una volta arrivato sull’isola non aspettavo oltre e facevo subito colazione con le famose “Lingue di Bue” un dolce tipico della tradizione con crema al limone, cioccolato e crema normale. Quello con la crema al limone è proprio quello ufficiale visto che i limoni di Procida sono famosi per la loro grandezza e per la loro bontà. Guarda dove mangiare le migliori lingue di Bue a Procida. Altro consiglio culinario che posso darvi e quello di fermarvi in uno dei tanti ristoranti di pesce che sono a Marina di Corricella o anche in centro perché cucinano pesce freschissimo. Procida, essendo un’isola dedita alla pesca, vige ancora l’acquisto del pesce quando arriva direttamente sulle barche dei pescatori. Alcune persone vivono di questo e l’acquisto del pesce appena pescato è uno degli spettacoli più suggestivi ed istruttivi sull’isola o almeno per me è stato così. L’eterno sodalizio tra gli abitanti dell’isola e il mare è evidente in ogni manifestazione e in ogni discorso tra le persone che vivono a Procida. Procida è sicuramente la più vivibile delle isole nel golfo di Napoli perché è tranquilla con poche ma bellissime spiagge ed insenature di origine vulcanica. Un giorno a Procida sia per fare un bagno in una delle spiagge dell’isola o per fare un giro turistico è sicuramente una bella idea per scoprire il fascino e l’essenza di un’isola che adoro particolarmente.

Cerca Volo + Hotel
Scegli tra le offerte il miglior prezzo per la tua prossima vacanza!
Cerca ora!

Tags:

Lascia un commento

Comment